Lettori fissi

lunedì 10 settembre 2012

SOS TARLI

Sabato mattina è iniziata la caccia a tarlo!
Dopo una telefonata di mia zia disperata perchè doveva cambiare una parte del parquet in quanto tarlato, e dopo un controllo molto accurato di tutti i mobili (e parecchi dei mobili della sua casa sono di legno) ho scoperto che i tarli si stavano facendo un bel banchetto, anzi un vero e proprio party con tanto di cappellini e fischietti!


Così sabato mi sono munita di pennelli, barattolo di vetro e lattine e lattine di antitarlo e ho iniziato!


Più che una caccia è una vera e propria ginnastica...su e giù con il braccio destro, avanti e indietro, e a volte per compensare anche con il braccio sinistro (non vorrei mai fare delle differenze!), addominali, piegamenti con le gambe, e su e giù....così per ben 2 giorni (tra antitarlo e cera) e oggi.....sono tutta rotta!



Dopo aver dato 4 mani a tutti i mobili, 2 armadi, 1 tavolo, 2 comò con relativi cassetti e 1 sedia ho passato la cera a tutto.


Però ho bisogno della vostra consulenza!
Sapete come si fa a togliere quella patina bianca che si forma con l'antitarlo? 
Ho provato a strofinare un po' ma rimane nelle fessure e non so come fare a toglierla....magari con una paglietta molto molto fine?
Perchè poi non vorrei togliesse anche un po' del colore....
E sapete se esiste qualche rimedio, magari naturale (tipo quelli della nonna) per evitare di trovarseli gironzolare per casa?


Il prossimo week-end si replica.....mi sono rimasti 2 buffet, 1 scrivania, 1 comodino, 3 tavolini e 6 sedie.....
Siete giù di forma?
Ho io quello che fa per voi!!!! :-)


Tra una passata e l'altra sono stata anche molto viziata da mia zia.....che mi tentava sempre con i suoi fantastici "chicchini".....sfiziosissimi chicchi di caffè al cioccolato!


Buona settimana!

18 commenti:

  1. Che brava nipotina!Purtroppo non ho esperienza i questo campo!Baci,Rosetta

    RispondiElimina
  2. Che lavorone! Non ho esperienza in questo campo e non posso aiutarti! Buona "ginnastica" per il prossimo fine settimana!
    Baci
    Federica

    RispondiElimina
  3. Qualche anno fa mi vendettero un antitarlo da passare con il pennello, senza alcun odore. Poi dovevo chiudere per una settimana il mobile con del nailon e lasciarlo lì. E devo dire che non ho più avuto problemi considerando che pezzi antichi ne ho diversi. Non conosco il prodotto che hai dato tu e quindi non posso esserti d'aiuto. Però hai risparmiato sulla palestra e con una zia che ti ha viziato così......mi sa che la fatica è stata ricompensata! A presto Paola

    RispondiElimina
  4. Adoro i chicchi di caffè al cioccolato,me ne spedisci un pò?Hi hi hi hi
    Tesoro che ginnastica che hai fatto,niente male!!
    Allora lascia asciugare e guarda quello che succede!!
    Io ora ho provato ha chiudere i buchi di tarli di una lampada regalata con la candela,dicono che soffocano e muoiono!!
    E poi vado con la cera!!
    Ci aggiorniamo,comunque sei proprio una nipotina favolosa!!
    Un bacione!!
    Sabry!!

    RispondiElimina
  5. Ciao Micol,
    la fase dell'antitarlo è più o meno diffusa...ma, senti, posso portarti che una vecchia sedia???

    eddddddddai... ;)

    BRAVISSIMA e complimenti per la volontà! Un bacio grande! NI

    RispondiElimina
  6. Wow che lavoratrice....mi dispiace non mi intendo di mobili....però so che vuoi taaanto bene alla zietta!
    bacioni Lieta

    RispondiElimina
  7. Ciao Micol
    io devo dire che ho usato il metodo che ti ha suggerito Paola (ziapolly) una bella spennellata, o con la siringa nei buchi, e poi incartare tutto il mobile con un nailon e lasciare almeno 3 giorni!
    ( so che è un passaggio molto importante)
    mai avuto problemi di macchie con l'antitarlo!!!!!
    Complimenti per il bellissimo rapporto che c'è fra te e tua zia.
    Buona serata
    Monica

    RispondiElimina
  8. Ma che brava questa nipote!
    Non so che prodotto hai utilizzato,ma di solito l'antitarlo non lascia residui. Forse 4 mani sono eccessive, inoltre prima di incerare il mobile è meglio aspettare che il solvente sia completamente evaporato.
    Un ottimo rimedio è quello suggerito da Paola: una o due stesure del prodotto,"impacchettare" tutto con del domopak e lasciare per alcuni giorni.
    A distanza di tempo è' bene ricontrollare i mobili, perché se non si è riusciti ad eliminare le uova, è necessario ripetere il trattamento.

    RispondiElimina
  9. Ciao Micol, mi associo ai suggerimenti che ti hanno dato sopra. A me l' antitarlo non hai mai lasciato macchie od aloni. Che belle coccole che hai ricevuto dalla zia!!!
    Bacioni
    Alessandra

    RispondiElimina
  10. Anche il di solito uso l'antitarlo liquido da siringare....poi anche io consiglio di sigillare tutto e aspettare..
    un saluto Elisa

    RispondiElimina
  11. Ma che brava la mia Micol, sempre instancabile!!!!
    Cara anch'io mi associo ai consiglio di Paola. Il trattamento va passato non piu' di due volte, l'importante e' tenere tutto chiuso in un nylon....bisogna soffocare le bestiacce!!!!!!!
    Buon lavoro per il prossimo weekend.
    Baci
    Raffaella

    RispondiElimina
  12. Mamma mia Micol, vorrei averla una nipote come te tesoro!
    Che brava e che lavoratrice!!!
    Purtroppo non so aiutarti più di quanto abbiano fatto le altre amiche, mi spiace, ma ti auguro buon lavoro per la prossima settimana!
    Un bacione
    Giancarla

    RispondiElimina
  13. ciao mia cara Micol, sei un tesoro di nipotina!
    La prima cosa che ti consiglio di fare, e di non fare questo trattamento al chiuso, ma sul terrazzo o in cortile, potrebbe essere nocivo per te respirare l'antitlo..
    Analizza bene dove si trovano i tarli, spesso sono negli angoli, nelle schiene o nelle gambe del mobile
    Come saprai il tarlo scava gallerie contorte e lunghissime, quindi per uccidere le larve, se parliamo di mobili, e non piccoli oggetti, non basta iniettare il prodotto con la silinga nel buco, perchè la galleria non è diritta ma contorta e il prodotto potrebbe rimanere in alto e non raggiungere le larve
    Seconda cosa, io ti consiglio di usare il petrolio bianco, lo spennelli per benino e lo lascia asciugare, poi passi l'antitalo, non devi dare tante mani, basta una..
    Il passaggio più importante e quello di chiudere il mobile in un naljon per una settimana, così agisce bene il gas del antitarlo...
    Poi apri lasci un giorno al aperto, perchè vada via l'odore...
    Ultima fase passi la cera..
    Non so perchè ti sono rimasti aloni bianchi, forse perchè l'antitarlo doveva ancora agire

    Ma cosa importantissima, usa sempre i guanti e non respirare troppo antitarlo, altrimenti dopo tutto questo sforzo, rischi di intossicarti o di cascare come una pera cotta!!Rischioso anche per la tua dolce zietta...

    Ora che ti ho dato un consiglio da truciolina, sui tremendi tarli, mi fai assaggiare un chicco cioccolato caffè...che bontà

    bacioneeeeeeeeeeeee Valeria

    RispondiElimina
  14. Accidenti, è proprio un bel guaio avere i tarli nei mobili!!....è fortunata tua zia ad averti come nipote, le hai risparmiato una bella faticaccia...bravissima!
    un abbraccio
    fiore

    RispondiElimina
  15. Che brava e che lavorone, tua zia ti adorerà:) Oltre ai chicchi di caffè al cioccolato meriti un'altra settimana di vacanza;)
    Non ho ahimè consigli al riguardo, ma spero,avendo parquet nelle camere di non aver mai questo problema:)
    Bacioni tesoro caro,
    Sonia

    RispondiElimina
  16. Solerte solerte Micol mi hai trasmesso l`incubo del tarlo.... mi piacciono i mobilico vecchi.e spesso sono abitati.. speriamo ben, in caso contrario tenti pronta, chiamo aiuto.....
    Un.bacio
    Patri

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato una traccia del vostro passaggio.....

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...